Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per saperne di più clicca su "Leggi l'informativa". Cliccando "Ok" acconsenti all’uso dei cookie.

Lazio Ambiente SPA

A+ A A-

Delibera n° 37 del 24 luglio 2013: Regolamento per il reclutamento del personale di Lazio Ambiente SpA

DELIBERA Nr. 37/2013 DEL 24 LUGLIO 2013

 

OggettoRegolamento per il reclutamento del personale di Lazio Ambiente S.p.A.- Unipersonale

L’Amministratore unico,

Visto lo Statuto della società Lazio Ambiente S.p.A. (d’ora innanzi anche la “Società”);

Vista la contrattazione collettiva applicabile;

Visto l’articolo 35 del D.lgs 30 marzo 2001, n. 165 - Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche - come modificato dal D.lgs 27 ottobre 2009, n. 150;

Visto l’art. 18, comma 2, il d.l. 25 giugno 2008, n.112, convertito, con modificazioni, in legge 6 agosto 2008, n. 133 (recante “Reclutamento del personale delle società pubbliche”);

 Vista  la D.G.R. Lazio del 23 marzo 2012, n. 112 - Direttiva per regolare i rapporti tra la Regione Lazio e le societa' operanti in regime in house ai fini dell'esercizio del controllo analogo;

Visto D.P.R. 16 aprile 2013, n.62 - Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici;

Vista la delibera della Corte dei Conti, sez. reg. Lazio del 26 giugno 2013 n.143 in  merito all'inapplicabilità dell'art. 4, c.1, d.l. 95/2012 (c.d "Spending review") alle società a partecipazione integralmente pubblica, costituite per la gestione di un servizio di interesse generale a rilevanza economica;

Considerata la necessita per le Società a partecipazione pubblica totale o di controllo di regolamentare i criteri e le modalità per il reclutamento del personale e il conferimento degli incarichi nel rispetto dei principi, anche di derivazione comunitaria, di trasparenza, pubblicità e imparzialità,

  DELIBERA

L’emanazione del seguente regolamento per il reclutamento del personale di LAZIO AMBIENTE S.p.A. – Unipersonale:

 Art. 1

Principi Generali

 Lazio Ambiente garantisce il rispetto delle norme di legge in materia di lavoro, dei Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro in tutti i loro istituti.

La Società garantisce pari opportunità a uomini e donne nell’accesso all’impiego, senza alcuna discriminazione per ragioni di sesso, di appartenenza etnica, di nazionalità, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di orientamenti sessuali, di condizioni personali e sociali in linea con la normativa applicabile. La Società assicura altresì il rispetto della normativa a tutela dei lavoratori aventi diritto all’avviamento obbligatorio garantisce loro il necessario supporto ai fini di un pieno e gratificante svolgimento dell’attività lavorativa.

La Società garantisce l’espletamento delle procedure di selezione nel rispetto dei seguenti principi: 

trasparenza: l’obbligo di trasparenza si intende assolto garantendo a chiunque la possibilità di conoscere modalità e criteri di partecipazione e di valutazione dei curricula, nonché gli esiti finali delle selezioni del personale;

pubblicità: l’obbligo di pubblicità si intende assolto mediante la pubblicazione sul sito internet di Lazio Ambiente dell’avviso di reclutamento, con l’indicazione dei profili da acquisire, con particolare riferimento alle mansioni da svolgere e alle competenze necessarie, l'individuazione di criteri oggettivi di verifica dei requisiti attitudinali e professionali richiesti, le forme contrattuali previste, nonché la durata indicativa del rapporto di lavoro;

imparzialità: l’obbligo di imparzialità si intende assolto mediante l’adozione  di criteri oggettivi e trasparenti di verifica dei requisiti attitudinali e professionali richiesti in relazione ai profili professionali da ricoprire e, comunque, idonei a verificare il possesso dei requisiti attitudinali e professionali in relazione alle posizioni richieste.

La Società inoltre, garantisce l’efficacia, l’efficienza, l’economicità e la celerità della selezione del personale.

Art. 2

Ambito di applicazione

 Il presente regolamento stabilisce i requisiti essenziali, i criteri e le modalità generali di reclutamento del personale:

- con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato;

- con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato;

- con contratto di collaborazione coordinata e continuativa anche a progetto.

Il presente regolamento non si applica ai contratti di somministrazione lavoro, al caso di comando e/o all’eventuale assunzione di personale dipendente delle società partecipate dalla Regione Lazio, che comunque debbono avvenire nel rispetto delle normativa vigente in materia e delle previsioni di budget.

Art. 3

Procedure di reclutamento - assunzioni a tempo indeterminato

 Ai fini dell’assunzione di lavoratori con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, la Società richiede presso la Regione Lazio un incontro ai fini di una valutazione congiunta delle esigenze che giustificano una variazione della dotazione stabile di personale presso Lazio Ambiente.

La Società, inoltre, trasmette alle organizzazioni sindacali una comunicazione contenente la posizione da ricoprire, le esigenze che giustificano l’assunzione di personale e l’eventuale impossibilità di ricoprire tale posizione con il personale già presente in azienda.

All’esito della valutazione congiunta e dopo aver effettuato la comunicazione alle Organizzazioni sindacali, Lazio Ambiente deve dare avvio alla procedura redigendo e pubblicando sul proprio sito internet un Avviso dove vengano chiaramente definite:

- la/e posizione/i da ricoprire, con relativo inquadramento contrattuale, condizioni di lavoro e sede di lavoro;

-  la tipologia contrattuale richiesta;

- i requisiti generali, professionali e d’esperienza per l’ammissione alla selezione e i titoli di studio e/o preferenziali richiesti per la copertura della posizione;

- le modalità generali di svolgimento della selezione.

La Società procederà alla selezione tramite apposita Commissione utilizzando anche esperti di provata competenza nelle materie di concorso, scelti tra funzionari delle amministrazioni, docenti ed estranei alle medesime che non siano componenti dell’organo di direzione politica dell’amministrazione, che non ricoprano cariche politiche e che non siano rappresentanti sindacali o designati dalle confederazioni ed organizzazioni sindacali o delle associazioni professionali.

La Società per la selezione può avvalersi di società esterne specializzate e/o di sistemi automatizzati diretti anche a realizzare forme di preselezione e che avranno comunque l’obbligo di uniformarsi ai principi di trasparenza, pubblicità e imparzialità.

L’iter selettivo potrà prevedere esclusivamente la valutazione dei curricula inviati in via telematica in risposta agli Avvisi di lavoro pubblicati e dei colloqui sostenuti. Conclusa la selezione dei curricula verrà selezionata una rosa di candidati che saranno convocati per un colloquio orale dinnanzi alla medesima Commissione.

Ai fini della selezione dei  candidati potrà essere usato un sistema di valutazione in forma numerica allo scopo di esprimere sinteticamente la misura del grado di idoneità riscontrato. Alla conclusione dell’iter selettivo la Società provvederà a convocare il/i candidato/i risultato/i idoneo/i per la stipula dell’eventuale contratto.

Nei casi in cui non vi dovessero essere risposte sufficienti ad un annuncio di lavoro in termini di numero di candidati con i requisiti richiesti, si potrà procedere secondo quanto previsto dal successivo art. 6 del presente Regolamento.

Art. 4

Procedure di reclutamento - assunzioni a tempo determinato e conversione dei rapporti in essere

L’assunzione di personale con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato avviene nel rispetto delle procedure di cui al precedente art. 3.

Per i rapporti di lavoro a tempo determinato in essere alla data di approvazione del presente regolamento e per quelli successivamente instaurati, per i quali, in presenza di accertate ed insindacabili esigenze aziendali, si ravvisi l’opportunità di trasformazione del rapporto in contratto a tempo indeterminato, la società avrà facoltà di procedere alla conversione in contratto di lavoro a tempo indeterminato previa procedura di reclutamento di cui al precedente art. 3.

Ai fini della procedura di reclutamento di cui all’art. 3 del presente regolamento, ai lavoratori con contratto di lavoro a tempo determinato verrà attribuito un punteggio per ogni anno o frazione di anno di servizio già svolto presso Lazio Ambiente.

Art. 5

Collaborazioni continuative autonome anche a progetto

 Per l’affidamento di incarichi di collaborazione coordinata e continuativa o di lavoro a progetto, Lazio Ambiente procede direttamente alla selezione dei candidati,  previa adeguata pubblicità del bando. La selezione dei candidati avviene attraverso la valutazione comparativa del curricula trasmessi in via telematica alla Società.

In ogni caso, nella selezione dei collaboratori la Società si conformerà alla procedure di cui agli artt. 6 e 36 della legge 30 marzo 2001, n. 165.

Art. 6

Contratti di breve durata e urgenze

 E’ facoltà della Società, nel caso in cui la posizione da coprire richieda un contratto di breve durata (da intendersi non superiore ai 6 mesi) ovvero sia motivata da urgenza, procedere ad assunzioni dirette rivolgendosi a candidati con i necessari requisiti richiesti dalla posizione da coprire, preventivamente selezionati nel rispetto delle procedure sopra esposte, caratterizzate dagli elementi di pubblicità, imparzialità, oggettività e trasparenza o, in casi del tutto eccezionali, anche con chiamata diretta, qualora il candidato individuato presenti i requisiti per un immediato inserimento produttivo nell’organizzazione richiedente.

Art. 7

Requisiti dei candidati

Non verranno prese in considerazione le candidature di soggetti che non presentino i requisiti di seguito indicati:

- possesso della cittadinanza Italiana o di altro Stato estero in condizione di reciprocità;

- godimento dei diritti civili e politici;

- non essere destinatario di decisioni civili o provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale;

- non aver riportato condanne penali per reati contro la pubblica amministrazione e non essere destinatari di provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di prevenzione.

Art. 8

Mobilità verticale

 Lazio Ambiente adotta procedure selettive di progressione verticale finalizzate al passaggio dei dipendenti alla categoria immediatamente superiore, nel limite dei posti vacanti della dotazione organica.

Alle procedure selettive è consentita la partecipazione del personale interno alla condizione del possesso dei titoli di studio ordinariamente previsti per l’accesso dall’esterno.

Al personale interno potrà essere riservata una quota delle posizioni da ricoprire non superiore al 50%.

Art. 9

Collocamento obbligatorio

 Le assunzioni obbligatorie dei soggetti di cui alla legge 68/1999, avvengono attraverso selezione tra gli iscritti nelle liste di collocamento ai sensi della vigente normativa, previa verifica della compatibilità della invalidità con le mansioni da svolgere e nel rispetto della normativa sulla privacy.

Art. 10

Disposizioni finali

 Il presente Regolamento entra in vigore il giorno successivo alla sua approvazione ed è pubblicato sul sito internet  http://www.lazioambientespa.it

Roma, 24 luglio 2013

L’Amministratore Unico

(Dott. Vincenzo Conte)

Torna in alto

Registrati